Skip to main content
x

Cattedrale Santa Maria Assunta - Atri (TE)

Atri  è un centro importante della regione e si fregia di uno dei monumenti di architettura religiosa abruzzese più belli e meglio conservati:la Cattedrale di Santa Maria Assunta che venne eretta sulla precedente chiesa di Santa Maria del IX/X sec. Nei primi decenni del secolo XII la chiesa venne distrutta e la sua ricostruzione avvenne sfruttando e in parte modificando, il precedente impianto: le navate furono notevolmente sviluppate in altezza ed il gusto gotico prese il sopravvento su quello romanico. La splendida facciata, ha un bel portale, ed un grande rosone alla cui sommità si apre una nicchia che ospita la statua di una Madonna con Bambino. L'interno è a tre navate divise da arcate ad ogiva: singolare è l'acquasantiera posta presso il secondo pilastro a destra, con donna rappresentata in costume tradizionale atriano. Il pavimento del presbiterio lascia intravedere dalle lastre di cristallo il pavimento musivo sottostante di un edificio termale romano. Vi si trova anche un battistero cinquecentesco di matrice lombarda del XIII/XIV secolo. Ma il vero gioiello della chiesa sono gli affreschi del coro, capolavoro di Andrea de Litio (1481-89). Il Chiostro della Cattedrale è una mirabile raccolta costruzione in laterizio, con archi a tutto sesto ed acuti in un solo lato basale. Si tratta di un eccellente esempio di architettura medioevale con ampi ambulacri e spazio verde centrale. Costruito nei primi del '200, vi risiedettero i Padri Cistercensi e successivamente i Canonici del Capitolo Cattedrale. Nel '400 fu adibito a cimitero episcopale, vi si tumulavano i vescovi della Diocesi, i Prelati Atriani ed i cittadini più ragguardevoli. Lungo i corridoi si notano alcuni cenotaffi con affreschi del '400. Colonne stroncate visibili al di sotto dell'attuale pavimentazione testimoniano periodi più antichi (seconda metà del sec. XII). Un pozzo, al centro del Chiostro, a base ottagonale cinquecentesca, reca la data 1763 relativa alle volute del frontone. Sull'orlo interno del pozzo le scalanature originate dallo scorrimento delle funi per il prelievo dell'acqua. Scendendo per una gradinata esterna si giunge alla conserva d'acqua. Troviamo un atrio con volte a crociera, eretto verso il 1460. Di particolare interesse sono il portale e le quattro finestre che ornano il lato d'ingresso, opere della seconda metà del secolo XII.

La cattedrale è chiusa fino alla conclusione del restauro. Contattare il Parroco per visite legate allo studio o pubblicazioni: tel. 085.8710218, mobile 339.1666305, email: info@cattedraleatri.it  

Corso Elio Adriano, 19 - 64032 Atri (TE)

42.5801982, 13.9784889