Salta al contenuto principale
x

Alba Adriatica

Vivace località balneare della provincia di Teramo, Alba Adriatica è dotata di uno splendido tratto di spiaggia che la rende meta ideale sia per chi cerca il relax sia per gli amanti del divertimento e della vacanza attiva. Di recente istituzione (nasce nel 1956 a seguito del distacco dall’adiacente comune di Tortoreto), è oggi uno dei centri economici più sviluppati della Val Vibrata. Trattandosi di un comune giovane, Alba Adriatica non presenta emergenze monumentali di particolare rilievo. Meritano comunque attenzione “Il Torrione”, torre di avvistamento a forma piramidale costruita dagli spagnoli nel XVI secolo, con la base superiore cinta di merli che funzionava da piazzola per l’alloggiamento dei pezzi di artiglieria e Villa Moscardini, tipica residenza della campagna vibratiana. Più volte insignita della Bandiera Blu, Alba Adriatica è anche conosciuta con il nome di Spiaggia d’Argento, per la presenza di un litorale ampio e sabbioso dalle tonalità argentee e per le sue acque cristalline che si colorano di un blu intenso nelle stagioni più calde.

Per saperne di più: http://www.goalbaadriatica.it/

 

Provincia: Teramo

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.828375, 13.9201994

CIRCOLO NAUTICO ALBA ADRIATICA

Rimessaggio a secco su spiaggia (operativo 01/06-30/09), 50 posti barca gommoni e derive, alaggio e varo con rulli, guardiania e assistenza diurna e notturna, acqua, luce, toilette, scuola vela e nuoto, corsi sub.
giulianova@guardiacostiera.it

 

La chiesa di Sant'Agostino fu ricostruita quasi interamente nel 1639 dal Priore e maestro fra Agostino Tavani come riporta una lapide sulla sinistra nell'interno. Nella facciata della chiesa vi è scolpito anno domini 1640, Sant' Agostino ricevette la luce della vita da Sant'Antonio Abate nell'anno 388, in quanto il convento degli agostiniani di Tortoreto era intitolato a S. Antonio Abate.

La Chiesa della Madonna della Misericordia è una preziosa testimonianza di pittura monumentale. Fu edificata nel 1348 a ringraziamento della Vergine della Misericordia per lo scampato pericolo dalla terribile pestilenza che infierì su tutta l'Italia nel 1347 (la stessa di cui parla Boccaccio nel Decameron).

Appena lasciato il borgo di Tortoreto Alto verso il mare troviamo la Fortellezza, un terrazzo naturale verso la costa adriatica, un magnifico belvedere, un tempo anche avanposto militare della fortezza di Civitella del Tronto per l'avvistamento di invasori dal mare.

Il Museo accoglie borse e valigie dal 1800 ad oggi e pezzi appartenuti a personaggi storici: Paolo VI, Leopardi, D'Annunzio, Acquaviva. Tra i più preziosi la borsa di oro zecchino con brillanti e il Graduale Romano, testo di musica sacra del XVI secolo.

The museum of maritime culture was built in Tortoreto Lido, in Via Nazionale Nord, 1 in 1998 by the cultural association "Colligere". The initiative aims to collect examples of tools used by local fishermen in past years and various examples of marine biology to enhance the marine culture.

Il museo della cultura marinara è stato realizzato a Tortoreto Lido, in via Nazionale nord, 1 nel 1998 a cura dell'associazione culturale "Colligere". L'iniziativa ha lo scopo di raccogliere esemplari di attrezzi usati dai pescatori locali negli anni passati e vari esemplari di biologia marina per valorizzazione della cultura marinara.