Salta al contenuto principale
x

Montepagano

Montepagano è un piccolo borgo storico, la frazione più antica di Roseto degli Abruzzi. Sorge separata dalla città, su una collina dalla quale il panorama che si offre allo sguardo è incantevole, accarezza le alture fino a raggiungere il mare, splendente e limpido. Il cuore medievale del borgo, che affascina il viaggiatore e lo trasporta in un tempo lontano, è il suo Castello, arroccato e ricco di opere d’arte, un vero e proprio scrigno di tesori di grande valore. Ma protagonisti qui sono i sapori: sulle colline che circondano il borgo si coltivano ulivi e vigne, che donano olio e vino rinomati a livello internazionale. Montepagano non basta guardarla: bisogna assaggiarla, viverla… lasciando che ci conquisti.

 

Provincia: Teramo

CAP: 64026

Prefisso: 085

Altitudine: 285

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.6786964, 13.9895925

The Museum of Material Culture has been set up in some rooms of the old Town Hall of Montepagano. Inside are exposed objects of various kinds: musical instruments, typewriters, books and old photos, work tools, both agricultural and artisan.

In alcune stanze del vecchio Municipio di Montepagano è stato allestito il Museo della Cultura Materiale. Al suo interno sono esposti oggetti di vario genere: strumenti musicali, macchine da scrivere, libri e foto antiche, attrezzi da lavoro, sia agricolo che artigiano.

In alcune stanze del vecchio Municipio di Montepagano è stato allestito il Museo della Cultura Materiale. Al suo interno sono esposti oggetti di vario genere: strumenti musicali, macchine da scrivere, libri e foto antiche, attrezzi da lavoro, sia agricolo che artigiano.

La Villa Comunale di Roseto degli Abruzzi è un classico giardino cittadino che ospita la Pinacoteca e la Biblioteca antica comunale. La Pinacoteca civica di Roseto degli Abruzzi, inaugurata nel 1982, comprende i dipinti di Raffaello e Pasquale Celommi, due pittori nativi di Roseto dell’Ottocento.

Il giardino è dotato di panchine ed è estremamente curato da un punto di vista floreale. Non c'è pavimentazione ma ghiaia quindi l'accesso alle sedie a ruota risulta alquanto disagevole.

La raccolta, inaugurata nel 1981, è ospitata al piano terra del palazzo della Villa Comunale. Il suo nucleo centrale è costituito dalle opere della famiglia dei pittori Celommi: Pasquale, il figlio Raffaello, il nipote Luigi ed il pronipote Riccardo. Sono esposti inoltre lavori di altri artisti locali.

La raccolta, inaugurata nel 1981, è ospitata al piano terra del palazzo della Villa Comunale. Il suo nucleo centrale è costituito dalle opere della famiglia dei pittori Celommi: Pasquale, il figlio Raffaello, il nipote Luigi ed il pronipote Riccardo. Sono esposti inoltre lavori di altri artisti locali.