Salta al contenuto principale
x

Alba Adriatica

Dove si trova: Alba Adriatica (TE) sorge sul litorale adriatico, a pochi chilometri dal confine con le Marche. E' raggiungibile con l'autostrada A14, in prossimità dell'uscita al casello Val Vibrata.

Perchè visitarla: Alba Adriatica è reputata una delle più rinomate località balneari della costa abruzzese ed insieme ai centri di Martinsicuro, Tortoreto, Giulianova, Roseto degli Abruzzi, Pineto e Silvi, rappresenta una delle «sette sorelle» del litorale adriatico della provincia teramana. E' dotata di uno splendido tratto di spiaggia che la rende meta ideale sia per chi è in cerca di relax, sia per gli amanti del divertimento e della vacanza attiva. Di recente istituzione (nasce come comune autonomo nel 1956 a seguito del distacco dalla vicina Tortoreto), è stata più volte insignita della Bandiera Blu e nel 2019 anche della bandiera arancione del Touring Club Italiano. Alba Adriatica è anche conosciuta con il nome di Spiaggia d’Argento per la presenza di un litorale ampio e sabbioso dalle tonalità argentee e per le sue acque cristalline che si colorano di un blu intenso nelle stagioni più calde. Il lungomare Guglielmo Marconi che la costeggia è dotato di un’ampia ed attrezzata pista ciclabile, una delle prime realizzate in regione, parte integrante del progetto Bike to Coast relativo alla realizzanda ciclovia unica dell'intera costa abruzzese, a sua volta segmento del progetto nazionale del Corridoio Verde Adriatico. Percorrendo la strada in perfetta sicurezza (a piedi, in bici o sui pattini) è possibile ammirare piante, fiori e vegetazione sempre verdi, concedersi una piacevole sosta su comode panchine o in prossimità di fontane monumentali oppure ristorarsi con del buon cibo nei bar, chalet e locali presenti sul territorio.

Cosa vedere: 

  • Il Torrione, torre di guardia a forma piramidale costruita dagli spagnoli nel XVI secolo, con la base superiore cinta di merli guelfi ed utilizzata come deposito dei pezzi di artiglieria. Rstaurata e riqualificata come ristorante pizzeria, è l’unico monumento del Medioevo conservato in buone condizioni nonostante sia divenuto, negli anni, parte del complesso urbanistico cittadino;
  • Spiaggia del Fratino e del Giglio di Mare, area protetta riconosciuta dal WWF dedicata alla tutela del piccolo uccello trampoliere ed al fiore spontaneo tipico delle coste mediterranee, entrambi in via di estinzione;
  • Villa Palma, riconosciuta come una delle più belle e antiche residenze di Alba Adriatica, realizzata sulla base di un progetto risalente al 1308. Di forma cilindrica, si sviluppa su due elementi sfalsati ed è coperta da una terrazza circondata da parapetti in ferro battuto.

Cosa mangiare: Circondata da vigneti, uliveti, colture varie e campi dediti alla pastorizia, pur essendo una località "nuova" Alba Adriatica offre una sintesi dei sapori di terra e di mare della tradizione abruzzese, dai piatti a base di pesce fresco (brodetto, spaghetti con le vongole) alla  chitarra con le pallottine, fino al  timballo di scrippelle e al brodo di cardone.

Fa parte di: Bandiera Verde 2020 dei pediatri italiani come spiaggia a misura di bambino | Bandiera Gialla 2020 Fiab come comune ciclabile.

Fotografia di Lucio De Marcellis [licenza CC BY-SA 4.0]

Per saperne di più:

Sito ufficiale Comune di Alba Adriatica

Portale turistico Comune di Alba Adriatica

(AMM-29/11/2019)
(I.M. - 30/03/2020)

 

Provincia: Teramo

CAP: 64011

Prefisso: 0861

Altitudine: 5m

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.828375, 13.9201994

Prossimi Eventi

CIRCOLO NAUTICO ALBA ADRIATICA

Sul lungomare sud di Alba Adriatica organizza corsi nuoto, sub e vela per bambini e adulti.
Disponibili per lo stazionamento di piccoli natanti e canale di lancio alle seguenti coordinate:
Latitudine 42° 48' 50” Nord 
Longitudine 13° 56' 18” Est.

CONTATTI

La Chiesa della Madonna della Misericordia è una preziosa testimonianza di pittura monumentale. Fu edificata nel 1348 a ringraziamento della Vergine della Misericordia per lo scampato pericolo dalla terribile pestilenza che infierì su tutta l'Italia nel 1347 (la stessa di cui parla Boccaccio nel Decameron).

Appena lasciato il borgo di Tortoreto Alto verso il mare troviamo la Fortellezza, un terrazzo naturale verso la costa adriatica, un magnifico belvedere, un tempo anche avanposto militare della fortezza di Civitella del Tronto per l'avvistamento di invasori dal mare.