Salta al contenuto principale
x

Festa dei Talami a Orsogna

0
0

Il Martedi' dell'Angelo, ad Orsogna (Ch) si assiste alla scenografica sfilata di sette carri allestiti con sacre effigi ispirate alla Bibbia.

La festa della Madonna del Rifugio, piu' comunemente detta Festa dei Talami, divenuta nel 2011 “Patrimonio d’Italia per la tradizione”, si svolge ogni anno e richiama migliaia di persone attratte da uno spettacolo unico che coniuga il teatro con la devozione popolare.

La festa prende il nome dai palchi lignei, i talami appunto, su cui vengono mimate le diverse scene bibliche che vengono rappresentate.  I preparativi iniziano settimane prima del lunedi dell'Angelo, giorno della rappresentazione vera e propria.

Nel corso della mattinata di martedì in albis, secondo una tradizione che ha origini lontanissime, ogni "talamo", muovendo dal quartiere che ne ha curato la realizzazione, si dirigerà nel centro storico dove si snoderà la sfilata. Su ogni talamo, attori giovani e adulti - immobili davanti a un fondale affrescato, posto sotto una raggiera alla quale è legata una bambina che impersona la Madonna - interpretano scene ispirate al Vecchio e Nuovo Testamento. Questi quadri biblici viventi, una volta portati a spalla, sono posti su carri, trainati da trattori, tranne l'ultimo, che per tradizione viene portato a spalla dagli alpini. Quando tutti i quartieri hanno sfilato, si raggiunge lo spazio antistante il Municipio, in piazza  e si attende il commento pubblico del Vescovo su ogni talamo.

Secondo il racconto popolare nel martedì in albis del 1270 la Vergine apparve nel luogo dove fu poi edificata la Chiesa della Madonna del Rifugio, rasa al suolo dai bombardamenti nel 1944,  fino al 1500 chiamata semplicemente di Santa Maria, La sua fondazione si puo' far risalire al XIV secolo, se non addirittura prima

Nel 1500 la confraternita era fiorentissima e la chiesa, per essere forse una delle piu' antiche, era al primo posto per essere il miglior luogo per le pubbliche processioni. In essa era presente il dipinto piu' antico del paese: l'immagine della Madonna del Rifugio o "Madonna Nera", dalle vesti rosso carminio e il mantello azzurro, affrescata sull'altare maggiore in atto di raccogliere sotto il suo manto i fratelli e le sorelle della confraternita. Questa specie di rappresentazione iconografica, potrebbe far supporre che sia la chiesa che l'affresco e la confraternita abbiano la stessa data di nascita, anche se solo piu' tardi la confraternita prese l'appellativo di Congregazione Maria SS. del Rifugio, che fini' poi con il dare il nome alla chiesa stessa.

Secondo la leggenda sull'origine del culto la Madonna arrivò dall'Egitto e si posò su un albero di fico, luogo in cui in seguito fu costruita la Cappella come da Ella richiesto ed è e' solita dispensare le sue grazie nel giorno della sua festa e dia segno della sua taumaturgia muovendo gli occhi o cambiando il suo volto, da nero in bianco, allo scoccare della mezzanotte dal lunedi' al martedi' dopo la Pasqua, pertanto, in tale notte la chiesa doveva restare aperta in modo da consentire ai devoti di assistere al miracolo e chiedere la grazia. Sembra che il primo talamo fu progettato proprio dal fervente desiderio dei devoti di rendere tangibile la Vergine ritratta nell'affresco durante la lunga notte di veglia ad opera della Confraternita di nostra Signora del Rifugio con la realizzazione del primo affresco vivente sul presbiterio della Chiesa: una giovane donna rapprentava la Vergine e due bimbi che interpretavano il ruolo di angeli sullo sfondo di una grande raggiera

La manifestazione viene svolta la mattina del Martedi' di Pasqua e nell'edizione notturna del ferragosto.

 
L. Toppeta 04-07-2022

 

42.2186281, 14.2817618