Salta al contenuto principale
x

Navelli

Dove si trova: Navelli (AQ) sorge su un colle a circa 30 chilometri dal capoluogo aquilano, in un’area di altopiani interni abruzzesi di bassa quota che recano il suo nome.

Perché visitarlo: arrivare a Navelli vuol dire rimanere incantati dalla delicatezza graziosa del suo borgo antico. Qui le case sono ancora costruite in pietra grigia e si affacciano su stradine strette, tortuose, con gradini scavati direttamente nella roccia. Da sempre, però, Navelli è famosa per un prodotto che è diventato, nel tempo, simbolo del suo territorio: lo zafferano. Questa rara e preziosissima spezia, che un tempo era usata in medicina e nella cosmesi, è stata il cuore della sua economia. Anche oggi è di grande importanza, non solo per il suo commercio, ma per la bellezza del periodo della fioritura, che attira ogni anno tantissimi turisti: a ottobre i fiori vengono raccolti all’alba e lavorati ancora a mano con gesti che si ripetono immutati da sempre. Bellezza, tradizione e sapore, l’essenza di Navelli ha il colore rosso intenso dello zafferano.

Cosa vedere:

  • palazzo Santucci sorto sulle rovine dell’antica Fortezza medioevale;
  • chiesa parrocchiale di San Sebastiano in stile romanico abruzzese, costruita sui resti della primitiva chiesa di San Pelino;
  • porta Castello  dove inizia la parte più antica del borgo;
  • palazzo Onofri, costruito nel 1498;
  • porta Villotta;
  • palazzo Cappa che fa bella mostra di sé con la cappella San Pasquale;
  • porta Santa Maria costruita nel 1475;
  • porta San Pelino;
  • chiesa del Suffragio;
  • palazzo Piccioli;
  • palazzo Mancini-Marchi-Piccioli con la cappella San Gennaro;
  • palazzo De Roccis caratterizzato da bellissimi pavimenti a mosaico;
  • chiesa del Rosario del '700;
  • chiesa di Santa Maria in Cerulis (XI secolo), la  più antica di Navelli, situata fuori dal centro abitato;
  • due chiese campestri di Santa Maria delle Grazie e Madonna del Campo;
  • monastero di Sant’Antonio, nella frazione di Civitaretenga, con  l’annessa chiesa rinascimentale,  la torre quadra medievale,  la chiesa di Sant’Egidio e il piccolo ghetto che ospitò gli ebrei dal XIII secolo fin verso il 1510.

Cosa mangiare: zafferano e ceci sono gli ingredienti base della cucina del territorio di Navelli. Occorre ricordare anche l’olio d’oliva, uno dei pochi extravergini della zona.  Da non perdere, tra i primi piatti, gnocchetti e ceci, sagnette e ceci, risotto allo zafferano e, tra i secondi, le costatine d’agnello allo zafferano. Sono assolutamente da citare le mandorle che costituiscono il principale ingrediente per ottimi dolci come  i "cauciunitti" e i "nocci interrati" (mandorle con lo zucchero). E, per concludere, un buon liquore allo zafferano.

Sito web

Fa parte de: I borghi più belli d’Italia 

(magda 08/01/2020)

 

Provincia: L'Aquila

CAP: 67020

Prefisso: 0862

Altitudine: 760m

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.2359938, 13.7284432

Prossimi Eventi

L'oratorio e la chiesa abbaziale furono costruiti dai monaci di Farfa che detennero il complesso sino al secolo XII. L'oratorio si presenta all'esterno in forme semplici e rustiche. L'interno, al contrario, rappresenta un'autentica meraviglia con preziosi affreschi, annoverabili tra i più interessanti della Regione.

A circa 4 km dal centro di Capestrano, nei pressi del fiume Tirino lungo la statale che porta a Bussi, sorgono in aperta campagna la Chiesa di San Pietro ad Oratorium e alcuni resti delle mura dell'antico monastero di cui la chiesa stessa faceva parte.