Salta al contenuto principale
x

Notaresco

Dove si trova: Notaresco (TE) è un comune collinare che dista circa 25 chilometri dal capoluogo di provincia e pochi minuti di auto dal mare Adriatico.

Perchè visitarlo: Posta al centro dell’Italia e immersa nella tranquillità delle colline teramane, Notaresco si propone come meta ideale di una vacanza all’insegna della natura, del clima e della possibilità di gustare le eccellenze enogastronomiche del territorio. Arroccato su una collina, il centro del paese è un classico borgo medievale, con edifici caratterizzati da mura spesse e finestre alte e strette. 

Cosa vedere: 

  • Chiesa di San Clemente al Vomano, edificio religioso di arte romanica dalle semplici caratteristiche architettoniche, noto per il ricco portale della facciata e per custodire al suo interno lo stupendo ciborio considerato tra i più antichi e monumentali d'Abruzzo. La chiesa, che fu di proprietà dei monaci benedettini, appartenne al complesso abbaziale omonimo fondato nel IX secolo presumibilmente per volere di Ermengarda, madre dell'imperatore Ludovico III;
  • Museo archeologico "G. Romualdi". Contiene i reperti archeologici rinvenuti nel territorio di Notaresco risalenti alla preistoria: periodo neolitico (IX millennio a.C.), e protostoria, età del bronzo, età del ferro, fino a risalire al periodo italico e poi romano;
  • Palazzo Acquaviva duchi di Atri, attuale sede del Municipio.
  • La "neviera" nel centro storico, nella zona Civitello, visitabile. Probabilmente è un rifugio preistorico perché nelle immediate vicinanze (palazzo baronale ex casa Moretti e casa Casolani) sono stati rinvenute due stazioni pre-protostoriche.

Cosa mangiare: Timballo Teramano, Scrippelle in brodo, arrosticini , Pizza dolce e tante altre specialità teramane.

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Chiesa_di_San_Clemente_al_Vomano_(TE).jpg

foto Infinitispazi [Public domain]

https://www.comune.notaresco.te.it/

(AMM-17/01/2020)

 

Provincia: Teramo

CAP: 64024

Prefisso: 085

Altitudine: 250m

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.6575013, 13.8939941

Riaperta al pubblico nel 2008 dopo un lungo lavoro di restauro, l'Abbazia di San Clemente è considerata da molti una filiazione della scuola che operò a San Liberatore a Maiella. Secondo tradizione fu fondata nell'874, secondo tradizione per volontà di Ermengarda, figlia dell'Imperatore Ludovico II.

Il complesso di S. Maria di Propezzano sorge nella valle del Vomano a poca distanza dall'abitato di Morro D'Oro. Le origini dell'abbazia benedettina sono legate alla leggenda dell'apparizione della Vergine propizia ai miseri (Santa Maria ad Praetutiarum da cui Propezzano) avvenuta il 10 maggio del 715 nel luogo dove sorgeva già una chiesetta, che su richiesta della Madonna fu ampliata.

Il canale artificiale che alimentava il Mulino Mazzarosa nasceva nei pressi di Forcella. Utilizzato nel secolo precedente per l’irrigazione risicola e poi abbandonato, verso la metà dell’800, fu rimesso in funzione dal Sen.