Salta al contenuto principale
x

Pretoro

Dove si trova: Pretoro (CH) si trova sul versante orientale della Maiella.

Perché visitarlo: Se guardiamo Pretoro da lontano ci sembra di vedere un borgo che è il proseguimento stesso della roccia. Una volta raggiunto, ci addentriamo nel cuore dell’abitato e ci troviamo a respirare le atmosfere antiche questo paese sorto intorno al 1600 dopo la distruzione del Castello di Pretoro, arroccato sull'estremità della roccia e denominato "Castrum Pretorii de Theti". Qui, tra vicoli strettissimi e intrecciati tra loro come un ricamo prezioso, ci aggiriamo fino a ritrovarci davanti il maestoso panorama che circonda il paese. Montagne e boschi, narrati anche nel “Centro San Domenico per la divulgazione degli aspetti culturali e naturali sul lupo, i serpenti e la storia di Pretoro”. Infine, caratteristico è l’artigianato del legno, in particolare per la realizzazione dei fusi per lavorare la lana.

A pochi chilometri dal borgo, le piste da sci del comprensorio Passo Lanciano - Maielletta in inverno offrono un’alternativa alla quiete del centro storico.

Cosa vedere:

  • La Chiesa di Sant’Andrea Apostolo;
  • La Chiesa di San Nicola;
  • L’Eremo della Madonna della Mazza;
  • la Riserva Naturale Valle del Foro;
  • Comprensorio sciistico Passo Lanciano-Maielletta;

Cosa mangiare: la pasta alla chitarra, la pecorara (anellini di pasta fatti in casa e conditi con sugo, ricotta, melanzane, zucchine e peperoni), i "p’ttlolozz" (pasta fatta in casa e tagliata a mano a forma di rombi). Tra i secondi l’agnello alla brace cotto a legna ed i turcinelli di budella di maiale. Il dolce locale è la “torta del lupo”, con cacao e vino Montepulciano d’Abruzzo.

Sito web: http://www.comune.pretoro.ch.it/hh/index.php

Fa parte dei "Borghi più belli d'Italia"

FC (09/01/2020)

Provincia: Chieti

CAP: 66010

Prefisso: 0871

Altitudine: 550m

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.2192963, 14.1400684

Prossimi Eventi

Il massiccio della Majella è il più imponente e più immanente di tutto l'Appennino, con oltre 60 cime che superano i 2000 metri di altezza. Il Monte Amaro (q. 2.793 m) è la sua vetta più alta, la seconda montagna d´Abruzzo e di tutto l'Appennino, dopo il massiccio del Gran Sasso.

Descrizione: nella Valle dell'Angelo, quasi alla confluenza con la Valle del Foro, c'è la grotta dell'Eremita.

Il Centro di Documentazione delle Verginelle, collocato all'interno del complesso monumentale S.Antonio in Piazza Cappelletti, è dedicato ad un ancestrale rito religioso di Rapino: la processione delle Verginelle.

Descrizione: Il complesso delle tombe rupestri di San Liberatore si trova lungo il fiume Alento, a circa 330 m s.l.m.

È tra i più antichi monasteri benedettini abruzzesi. La sua fondazione viene fatta risalire a Carlo Magno (di cui rimane la raffigurazione in un frammento di affresco); in realtà esiste solo una falsificazione in forma di copia semplice dell'anno 798, confezionata alla metà del XII secolo.

Descrizione: l’eremo di Sant’Onofrio è uno dei tanti eremi della Majella fondati dai Benedettini della grande Abbazia di San Liberatore.